Rev. 03/2012

 

GESTIONE RITENUTE DI ACCONTO

 

La procedura ottimizza l'operatività nella rilevazione, liquidazione e rendicontazione delle ritenute d'acconto relative ai compensi erogati per le prestazioni di agenti, professionisti e prestatori d'opera non soggetti d'imposta.

 

 

La procedura ripresenta in modo equivalente l'approccio della gestione manuale della problematica a partire dal censimento dei fornitori soggetti a ritenuta:

 


     

  • Emissione delle quietanza di pagamento per le prestazioni di persone fisiche non soggetti d'imposta (es.: collaborazioni occasionali)

  

Con la normativa vigente il campo di applicazione di queste forme di collaborazione è largamente ridotto rispetto al passato, malgrado ciò la procedura è in grado di emettere la ricevuta (o notula) delle prestazioni erogate da una persona fisica uniformandone il successivo trattamento informatico a quello delle prestazioni professionali, compresa la contabilizzazione automatica del documento.

 

 

  • Rilevazione dei costi soggetti a ritenuta per l'agente o il professionista all'atto dell'inserimento della fattura ricevuta

 

Nel primo esempio si è inserita la fattura di provvigioni di un agente.

 

 

Nel secondo esempio l'inserimento visualizzato si riferisce alla fattura di un professionista in cui sono stati riportati:

 

  • gli onorari (soggetti a ritenuta)

  • il rimborso delle spese sostenute (soggetto a ritenuta)
  • l'addebito della eventuale cassa previdenziale del professionista (nel caso assoggettato a ritenuta)
  • l'addebito delle spese anticipate per conto dell'azienda (non soggette a ritenuta).

 

 

Il trattamento della fattura è analogo a quello utilizzato per gli altri acquisti di beni o servizi.
Al momento della contabilizzazione della fattura passiva l'operazione contabile eseguita rileverà esclusivamente il costo ed il movimento a fini IVA.

 

  • Rilevazione della ritenuta da versare all'atto del saldo della partita aperta fornitore

 

La rilevazione della ritenuta da versare viene eseguita automaticamente al momento del saldo della partita aperta fornitore.

 

Proseguendo nell'esempio, in precedenza sviluppato, le due maschere successive illustrano il risultato contabile del saldo delle due fatture dell'agente e del professionista.

 

 

 

  • Gestione della parcella pro-forma dei professionisti

 

La procedura è in grado di gestire anche il trattamento del compenso a professionisti anche in presenza di emissione della parcella pro-forma e della successiva fattura a pagamento avvenuto.
Dal punto di vista procedurale l'inserimento della pro-forma è equivalente a quello di una normale fattura passiva seppure identificata con una sigla documento diversa (nell'esempio PROF).

 

 

 

Il trattamento della pro-forma cambia, rispetto alla normale fattura passiva, solo per la fase di contabilizzazione.
Posto che tale documento ha rilevanza contabile solo al momento del suo pagamento, con la contestuale rilevazione della ritenuta da versare, andrà contabilizzato una volta eseguito il suo saldo.

 

Nell'esempio fin qui sviluppato si assume che il saldo della pro-forma sia avvenuto il giorno 29 febbraio 2012.

 

 

La procedura di contabilizzazione della pro-forma consente, ovviamente, di selezionare le pro-forma registrate da processare (comando Enabling_Page).

 

Oltre alla registrazione contabile dell'anticipo a fornitore viene operata anche la rilevazione del debito verso l'erario per la ritenuta da versare.

 

 

Una volta pervenuta la fattura effettiva non sarà necessario reinserirla, sarà sufficiente trasformare la pro-forma in una normale fattura passiva.

 

 

Nella fase di trasformazione è consentito modificare la pro-forma per adeguarla alla fattura passiva effettivamente pervenuta.

Il risultato contabile della fattura effettiva è illustrato nella maschera successiva.

   

   

  • gestione del modello di pagamento e inclusione delle ritenute da versare memorizzate

    

Le ritenute rilevate con le modalità in precedenza illustrate devono essere raggruppate in un modello di pagamento.

 

 

All'avvio la procedura segnala l'esistenza di ritenute da versare per il periodo indicato dall'operatore (nell'esempio il valore 4 a fianco del comando Loading).
Attivato il comando le ritenute sono proposte per essere incluse nel modello in elaborazione.

 

 

Le ritenute proposte possono essere inserite complessivamente (comando Fully) o singolarmente (comando Include).
Sono previsti anche inserimenti manuali (Add).
Per quanto detto risulta evidente che l'utente ha la possibilità di aprire il modello relativo ad un mese ed integrarlo progressivamente fino alla sua chiusura con il pagamento del debito maturato verso l'erario; così come è consentito tenere contemporaneamente aperti più modelli sia dello stesso mese che di mesi diversi.

 

Al momento della chiusura è necessario procedere alla stampa del prospetto per la compilazione del modello F24 (comando Receipt).

 

 

 

 La gestione del modello si conclude con la contabilizzazione (comando Account).

 

 

Il risultato contabile è illustrato nella maschera successiva.

   

 

  • certificazione ai sensi dell'Art. 3/25 del D.P.R. 29/09/1973 n° 600

 

Le procedura di reporting è in grado di produrre la certificazione richiesta dalla normativa vigente sia per singola ritenuta versata che complessiva per percipiente.

 

 

  • compilazione del modello 770

 

Sempre la procedura di reporting produce i riepiloghi per la compilazione del Mod. 770.

 

 

  • interrogazione archivio storico delle ritenute d'acconto versate

 

 

L'utente può consultare agevolmente l'archivio storico delle ritenute d'acconto indipendentemente dall'esercizio contabile in corso selezionandole per periodo di competenza, versamento e percipiente.
La procedura è supportata da una funzione di report.